Squirting mattutino Bergamo

Ciao sono Fernanda, una donna 30 enne sposata, da alcuni giorni il mio rapporto sessuale con il mio marito era un po' precario, discutevamo spesso e quando non discutevamo parlavamo delle varie situazioni "domestiche e famigliare" da risolvere, i conti da pagare, i figli da gestire, l'organizzazione della casa... le nostre serate erano impiegate a tutto ciò e abbiamo iniziato a trascurare il lato sessuale, eravamo sempre stanchi e pieni di pensieri per la testa... Lui giorni prima mi aveva detto che dopo il lavoro era tornato a casa prima di me e si era masturbato, aveva le palle piene ecco... mentre io... ah io rimpiangevo le serate serene trascorse insieme, dove preparavamo da mangiare insieme con della bachata di sottofondo, ci stuzzicavamo e toccavamo, alcune volte lasciavamo le pentole sul fuoco e finivamo per fare l'amore, in piedi in cucina o sul divano in sala, addirittura bruciando la cena... ma ecco eravamo sereni e felici, mentre nelle ultime settimane questa nostra serenità nel viverci è andata persa tra una cosa e l'altra... io continuavo a desiderarlo follemente, ma allo stesso tempo se in quella serata ci mettevamo a discutere o a parlare poi ecco mi passava la voglia, mentre il mio corpo era sempre più provato, stanca di avere mille preoccupazioni e pensieri per la testa stavo perdendo quel mio essere leggera e solare, mi sentivo sopraffatta, avevo continuamente mal di testa, torcicollo, male alle spalle, nausea... poi ecco mi sono resa conto che anche il mio corpo stava soffrendo per come stavo vivendo le ultime settimane, una sera esco per distrarmi un po', incontro un amico e chiacchieriamo per ore, mi sentivo leggera e spensierata, torno a casa da mio marito e la prima cosa che avrei voluto fare era fare l'amore, ero nuovamente eccitata perché ero riuscita a staccare un po' e rilassarmi, ma non c'è stato niente da fare, anche quella sera arrivo a casa e lui era stanco e di cattivo umore... cerco di coccolarlo e baciarlo ma lui come sempre mi respinge via... mi addormento amareggiata come tutte le sere di quella settimana e forse anche della settimana prima... ebbene, quella sera però ho avuto un sogno bellissimo, ero in una festa in maschera dentro un castello, un uomo sconosciuto mi chiede di ballare con lui, mentre ballavamo non lo riconoscevo e lui non mi parlava, aveva degli occhi bellissimi, un sguardo penetrante, abbiamo ballato insieme una canzone soltanto e alla fine della canzone lui mi ha chiesto di seguirlo, mi ha portata in una scalinata che andava nei sotterranei del castello, arrivati giù dalle scale lui mi ha accantonata contro il muro avvicinandosi alle mie labbra con le sue, sentivo il suo respiro caldo e allo stesso tempo mi sentivo bagnare le mutandine, lui senza baciarmi fa scivolare la sua mano sotto il mio vestito salendo tra le mie cosce pian piano, un tocco delicato, lento... non aveva fretta e si gustava ogni centimetro della mia pelle... arriva vicino alle mie grande labbra ed io respiro più velocemente, quella attesa mi eccitava e mi faceva perdere la testa, non sapevo chi fosse quel uomo ma mi eccitava come nessun'altro mi aveva mai eccitato.. finalmente arriva con le sue dita a sfiorarmi il clitoride, era delicato, faceva movimenti circolari lenti... mi sentivo il clito gonfiarsi, chiudo gli occhi, stavo per venire... ed ecco che mi sono svegliata, ero sudata e eccitata, porto la mia mano sotto le coperte, dormivo sempre nuda, arrivo sopra la montagna di venere, la accarezzo in dormiveglia, pian piano porto la mia mano sopra il clitoride, ah si era tutta gonfia e bagnata... lo inizio a toccare ad occhi chiusi, era più che una masturbazione una coccola, la accarezzavo, lentamente, senza usare la forza... ecco che in quel momento mio marito si è svegliato, io ero ancora un po' addormentata, credo mi avesse chiesto se mi stavo toccando e gli ho risposto di si, dopo la mia risposta lui ha portato la sua mano tra le mie cosce, il tocco era diverso, aveva una mano pesante, forte, decisa, era arrivato nella mia figa senza alcun ritegno, mi da un schiaffetto piccolo ma deciso dopo di che mi infila due dite dentro spingendomele fino in fondo... ecco ora ero sveglia, poi arriva da me e mi chiede: "Facciamo pace?" Ahhhh.... non avrebbe dovuto chiedermelo in quel momento con quel tocco violento... la mia risposta è stata "No, non voglio la pace!" ma quello che intendevo era che per me la pace si fa facendo l'amore, delicato, piano... mentre in quel momento volevo che mi scopasse forte! Non poteva arrivare da me con quella prepotenza e poi chiedermi di fare la pace... ahhh nooo... caro mio avevo la guerra dentro! Lui continua a masturbarmi sempre più forte e veloce ed io mi lascio andare, chiudo gli occhi ed ecco che sento fluire dentro di me tutta la voglia repressa che avevo dentro di me, la sensazione era quella di un vulcano che era addormentato per anni e poi esplode, ecco avevo allagato il letto... mi aveva fatto squirtare... ah ma ne volevo ancora, lo volevo dentro... lo bacio e aspetto che prenda l'iniziativa, ma lui chiude gli occhi per riposarsi ancora un po' prima di dover alzarsi per andare al lavoro... continuo a stuzzicarlo e gli salgo sopra, mi faccio penetrare, ahhhh era fantastico... mi mancava cosi tanto... sentivo ogni parte del suo cazzo dentro di me, le vene, la cappella, ahhh mi eccitava cosi tanto, avrei voluto che mi mettessi a pecora o mi salisse sopra lui piegandomi le gambe contro il mio corpo e aprendomi la figa per bene... ma ecco... dopo qualche minuto sopra di lui a baciarlo e cavalcarlo, sento che non aveva più la stessa erezione di prima, forse era stanco o aveva sonno, non lo so... magari semplicemente non lo eccitavo più come una volta, perciò lascio perdere, era inutile insistere a fare sesso se lui non lo desiderava tanto quanto me, quindi scendo e mi alzo, vado a fare collazione, nel mentre lui si alza e mi trova in sala a fumare una sigaretta, mi dice "giusto la sigaretta dopo il sesso..." Quello che non aveva capito è che per me non c'è stato alcun sesso, squirtare riesco anche da sola, mentre sentirlo smosciare dentro di me senza essere venuto, beh questo è molto deludente... ma ecco, va bene cosi... io a differenza degli uomini non ho bisogno del sesso, lo faccio per piacere e non per dovere, perciò preferisco astenermi piuttosto che farlo soltanto per sfogarmi, per sfogarmi mi masturbo in doccia e faccio prima.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!